Cenni storici

Da Venezia a d’Annunzio

Al primo piano negli spazi della chiesa di Santa Giustina il percorso illustra attraverso 9 protagonisti delle vicende salodiane, alcuni dei caratteri e dei momenti fondamentali della storia cittadina, dall’Umanesimo di Iacopo Bonfadio al contributo determinante per la storia e il mito della liuteria di Gasparo Bertolotti, fino ai grandi scienziati salodiani e al tragico epilogo di Mussolini e della RSI. 

Nelle adiacenti sale del collegio attraverso le opere d’arte trova illustrazione il primato politico e culturale conquistato da Salò all’interno della Comunità di Riviera (l’autonomia locale costituitasi nel Medioevo sulla sponda occidentale del Garda) e lo splendore dei secoli del dominio veneziano. 

Al secondo piano oggetti, documenti e opere d’arte narrano il travagliato periodo seguito alla caduta di Venezia, segnato dalle lotte risorgimentali e dalla necessità di reinventare l’identità della città privata degli antichi privilegi, fino alla nascita del turismo e al Novecento segnato dalla presenza di Gabriele d’Annunzio.

La repubblica di Salò

Al primo piano negli spazi della chiesa di Santa Giustina il percorso illustra attraverso 9 protagonisti delle vicende salodiane, alcuni dei caratteri e dei momenti fondamentali della storia cittadina, dall’Umanesimo di Iacopo Bonfadio al contributo determinante per la storia e il mito della liuteria di Gasparo Bertolotti, fino ai grandi scienziati salodiani e al tragico epilogo di Mussolini e della RSI.

Nelle adiacenti sale del collegio attraverso le opere d’arte trova illustrazione il primato politico e culturale conquistato da Salò all’interno della Comunità di Riviera (l’autonomia locale costituitasi nel Medioevo sulla sponda occidentale del Garda) e lo splendore dei secoli del dominio veneziano. 

Al secondo piano oggetti, documenti e opere d’arte narrano il travagliato periodo seguito alla caduta di Venezia, segnato dalle lotte risorgimentali e dalla necessità di reinventare l’identità della città privata degli antichi privilegi, fino alla nascita del turismo e al Novecento segnato dalla presenza di Gabriele d’Annunzio.